versione accessibilevai al contenuto
Bazar del Bizzarro
in bizzarro veritas
www.bazardelbizzarro.net

Akakor

l’incredibile racconto di un regno sotterraneo

un regno perduto di 12000 anni fa, una città sotterranea nella foresta, un solo superstite… e anche i nazisti. Gli ingredienti ci sono tutti.

Karl Brugger (1942-1984)
una mappa del Brasile con indicata la zona dove dovrebbe trovarsi Akakor una mappa del Brasile con indicata la zona dove dovrebbe trovarsi Akakor
era un giornalista televisivo, che aveva vissuto e lavorato a lungo in Sudamerica. Nel 1972 conobbe in un bar di Manaus l'indio Tatunca Nara, che gli disse di essere il capo della tribù nascosta degli Ugha Mongulala e principe della perduta città sotterranea di Akakor. L'indio raccontò a Brugger la storia dell'antichissimo popolo di Akakor. Nel 12000 a.C. questo popolo era venuto in contatto con un “popolo delle stelle”, gli Schwerta (Le Spade), venuti sulla terra per aiutare gli esseri umani a civilizzarsi e affinché potessero sopravvivere a un cataclisma previsto alcuni secoli dopo, cosa che secondo il racconto poi accadde.
una mappa della parte superficiale della città di Akakor una mappa del livello superficiale della città di Akakor

Secondo Tatunca Nara Akakor sarebbe stata la capitale del terzo impero del Sud America, dopo quello azteco e quello incaico; da Akakor avrebbero tratto origine nientemeno che le civiltà di Tiahuanaco e quella Inca.  

 

Continuando la storia fino ai giorni nostri, si viene a conoscenza di una spedizione segreta composta da 2000 militari delle SS e da appartenenti al servizio di sicurezza SD, spedizione che sarebbe durata dal 1942 al 1945, allo scopo di costituire un distaccamento segreto dell'esercito nazista. In questo periodo i militari si sarebbero stabiliti nell'Amazzonia brasiliana e appunto nella città di Akakor.

All'inizio Brugger non credette al racconto dell'indio, poi pian piano cambiò idea.

Così nel settembre del 1972 Brugger, Tatunca Nara e un fotografo brasiliano partirono per una spedizione alla volta di Akakor.

il giornalista Karl Brugger il giornalista Karl Brugger

Il programma era quello percorrere prima il Rio Purus con un battello, e poi dirigersi con una canoa a motore verso le sorgenti del Rio Yaco, al confine tra Brasile e Perù, tra il Dipartimento brasiliano di Acre e la Madre de Dios peruviana. Infine avrebbero marciato nella foresta in direzione delle Ande per poter raggiungere la città perduta di Akakor, che quindi si troverebbe in Perù, nel Dipartimento Madre de Dios.

l'indio Tatunca Nara, da un documentario del 1990 l'indio Tatunca Nara, da un documentario del 1990

Purtroppo il 13 ottobre del 1972 la canoa si rovesciò, causando la perdita di gran parte del materiale. Brugger e il fotografo tornarono indietro, mentre l'indio proseguì da solo, a raggiungere il suo popolo che lo aspettava ad Akakor.

Nel 1976 Brugger pubblicò il suo libro “Cronaca di Akakor”. Fu poi  ucciso a Rio de Janeiro nel 1984.

E così finisce l’incredibile (in effetti assai poco credibile) storia di Akakor.

altri articoli:

Bazar del Bizzarro