versione accessibilevai al contenuto
Bazar del Bizzarro
in bizzarro veritas
www.bazardelbizzarro.net

John Titor

l'uomo che veniva dal futuro

Il 2 novembre 2000 all'una di notte sul forum del Time Travel Institute (ora non più attivo) comparve un utente di nome “TimeTravel_0”.

Costui esordisce aprendo un “topic” in cui parla dei materiali necessari per compiere un viaggio nel tempo.

 uno spaccato della “macchina del tempo” pubblicato in rete da John Titor alias Time_Travel0

La sua lista della spesa :

1) unità magnetiche riceventi per una doppia micro-singolarità.

2) iniezione elettronica multiforme per alterare la massa e la gravità delle micro-singolarità.

3) un sistema di raffreddamento e di sfiato dei raggi X.

4) sensori di gravità (sistema VGL)

5) molti orologi (4 unità al cesio) [forse intendeva Casio?... NdR]

6) molti computers (3)

Poi il fantomatico personaggio parla del celebre “paradosso del nonno”, ovvero cosa succederebbe a un viaggiatore del tempo che andasse indietro negli anni e uccidesse il proprio nonno.

L'utente poi confessa di chiamarsi John Titor e di essere un viaggiatore del tempo proveniente dall'anno 2036. La missione che aveva appena compiuto era stata quella di andare nel 1975 a recuperare un computer IBM 5100 (in pratica un ferrovecchio) su cui doveva installare dei programmi. All'epoca del forum si sarebbe trovato a metà strada del viaggio di ritorno.

Per alcuni mesi John Titor interagì sul forum con le persone che gli ponevano domande. Fece numerose affermazioni sul futuro dell'umanità: in particolare predisse una guerra civile negli Stati Uniti che sarebbe iniziata nel 2005, mentre nel 2015 la Russia avrebbe lanciato un attacco nucleare verso Stati Uniti, Europa e Cina. Vi sarebbero stati tre miliardi di morti, finché nell'epoca di Titor – il 2036 – gli Usa sarebbero tornati ad una specie di Medioevo, organizzandosi in un insieme di piccole comunità feudali autonome. Anche la tecnologia avrebbe fatto un passo indietro, e così la produzione di energia, per questo nel 2036 avevano bisogno di un'anticaglia come l'IBM 5100.

l'interno della “macchina del tempo” di Titor questa è una delle poche immagini postate da John Titor sugli interni della sua automobile, adattata a macchina del tempo. Odora un po' troppo di “Ritorno al futuro”

Il 24 marzo 2001 John Titor sparì dalle scene, con la memorabile frase “portate un bidoncino di carburante quando la macchina vi morirà sul ciglio della strada”.

Di John Titor nessuno ha mai visto fotografie, gli unici materiali rimasti a testimonianza – a parte la traccia delle chat – sono un paio di disegni su come sarebbe stata costruita la sua macchina del tempo.

Sempre stando ai suoi racconti, John Titor sarebbe nato a Tampa (Florida) nel 1998, avrebbe combattuto come partigiano già a 13 anni, e poi avrebbe fatto carriera militare.

Molte volte gli utenti del forum gli hanno fatto domande su eventi futuri, ma Titor non ha mai dato risposte chiare e precise, adducendo scuse molto flebili come “non ricordo” o “non è importante”. Bizzarro però che non si “ricordasse” di un evento epocale come quello delle Torri Gemelle, che sarebbe avvenuto di lì a poco.

Un personaggio realmente esistente in tutta questa faccenda è l'avvocato Larry Haber, specialista in diritti d'autore legati all'industria cinematografica. Larry Haber è il rappresentante legale della famiglia Titor (ovviamente inesistente) e presidente di una fantomatica “The John Titor Foundation Inc”. Guarda caso Haber è anche colui che possiede i diritti d'autore sulla storia e su tutto il merchandising riguardante John Titor.

Pare che dietro l'identità di Titor si celi Brandon Haber, figlio dello stesso Larry Haber. Brandon Haber è un ingegnere di 22 anni che ha studiato presso l'”Interactive Realities Laboratory”, un'azienda che si occupa di realtà virtuale e realtà aumentata, ed ora, come si può trovare scritto ancora oggi sul suo profilo, lavorerebbe per la Nasa.

l'interno della “macchina del tempo” di Titor altre immagini dell'interno della “macchina del tempo” di Titor

L'incredibile è non tanto il viaggio nel tempo, che penso che non scandalizzerà nessuno fra i lettori di questo pezzo. Ma un articolo su Focus, una puntata su Voyager, forum vari, il libro “John Titor A Time Traveler's Tale” (2003) scritto dalla The John Titor Foundation Inc, una caterva di siti in varie lingue sono forse un po' troppo per un buontempone che si è gingillato qualche mese in una chat.

In italiano un tale Vittorio Baccelli ha scritto l'ebook “John Titor – crononauta” (2008) (vedi link a fondo pagina).

Il 1° ottobre 2004 negli Stati Uniti è stato depositato da parte di un certo Marlin B.Pohlman, di Tulsa (Oklahoma) un brevetto (US20060073976) , registrato il 6 aprile 2006, che nell'abstract parla di “method of gravity distortion and time displacement”. In 31 pagine, due soli schemi e tanta marmellata scientifica, viene descritta lei, l'Invenzione, la fantomatica macchina del tempo.

L'autore, professionista nel campo del software ed autore di un libro sulla gestione informatico/aziendale intitolato “Oracle Identity Management” ha poi anche ammesso di essersi ispirato ai disegni e alla “tecnologia” di John Titor. Molti hanno ipotizzato persino che Pohlman e John Titor siano la stessa persona.

Alcuni siti:

http://johntitor.com

http://johntitor.strategicbrains.com

Il brevetto di Marlin B.Pohlman: http://www.google.com/patents?id=oH2bAAAAEBAJ&printsec=frontcover&dq=US20060073976&hl=en&ei=iQnnTeW-Ecir8QP8s9n8Cg&sa=X&oi=book_result&ct=result&resnum=1&ved=0CCgQ6AEwAA

sito italiano su John Titor: http://www.johntitor.homepc.it

ebook "il crononauta" di Vittorio Baccelli: http://baccelli1.interfree.it/titor.pdf

altri articoli:

Bazar del Bizzarro