versione accessibilevai al contenuto
Bazar del Bizzarro
in bizzarro veritas
www.bazardelbizzarro.net

Scimmie di mare

Negli anni '70-80 su numerosi fumetti – come l'Intrepido, Diabolik, il Monello e Topolino - spesso si trovava una pagina che promuoveva articoli veramente bizzarri.
pubblicità scimmie di mare una delle famose pubblicità delle scimmie di mare
Impossibile dimenticare i famigerati “occhiali a raggi x”, utilissimi per osservare oltre le magliette delle ragazze, la “crema per uomini mingherlini” per gonfiare i muscoli senza fatica, la “penna di 007”, con la quale si poteva guardare oltre i muri e altre amenità in odor di truffa e di fuffa.

Un classico articolo che compariva in quella pagina pubblicitaria erano le “scimmie di mare”. Si trattava di bustine contenenti piccolissime uova, che messe in acqua in poco tempo potevano schiudersi, liberando dei minuscoli esserini chiamati scimmie di mare. A parte si potevano comprare anche confezioni di cibo per le scimmie stesse (banane microscopiche?)

Contrariamente a quello che si potrebbe pensare, in mezzo a tanta paccottiglia questo era uno dei pochi articoli “seri” e funzionanti.

 uova di scimmie di mare uova di scimmie di mare

Le scimmie di mare sono infatti dei minuscoli crostacei (la dimensione degli individui adulti è di una decina di millimetri), il cui nome scientifico è Artemia salina, che si sono adattati a vivere in ambienti molto difficili ed estremi, come sono i laghi salati e le pozze di acqua salmastra, dove la salinità è molto elevata e che spesso rimangono all'asciutto. Le scimmie di mare non appartengono quindi ai primati, ciò non toglie che sono davvero degli animali da primato: le uova di Artemia salina possono infatti rimanere in stato di quiescenza (criptobiosi) per vari decenni, oltre a resistere a temperature tra i -196 e i +103 °C (avete letto bene, non ci sono errori!), a pesticidi, mancanza di ossigeno e a forti concentrazioni di sostanze chimiche di ogni genere.

scimmie di mare, ovvero Artemia salina le “vere” scimmie di mare

Le scimmie di mare – in vendita alla modica cifra di lire 4900 (tutti gli articoli in vendita terminavano per 900) erano accompagnate dal ritratto di un'allegra famigliola di uomini-pesce antropomorfi e da una didascalia che diceva tra l'altro: "Sempre attivissimi ed allegri, questi animaletti scherzano e giocano tra di loro. Si possono perfino ammaestrare”, e poi: "Vi mostreremo inoltre come insegnare loro ad obbedire ai vostri ordini ed eseguire esercizi come le foche ammaestrate!".

Mi scriva chiunque sia riuscito a convincere un crostaceo di 10 millimetri a roteare una palla sul naso o a saltare un cerchio.

altri articoli:

Bazar del Bizzarro